Croazia, Split area - Locale commerciale attraente in un nuovo edificio

Ref. : 2027/34 - Locali commerciali - In affitto
Prezzo di vendita: 3.000 €
Spazio vitale: 300 Camere: 1 I bagni: 1
Descrizione:
  • Parcheggio

Lo spazio commerciale al primo piano di 300m2 è attualmente al grezzo e pronto per essere finito secondo i desideri dell'inquilino. Tutta l'infrastruttura è disponibile. Vengono realizzati gli impianti idrico ed elettrico e l'impianto antincendio. Lo spazio è dotato di ampie finestre tutt'intorno e come tale rendono questo spazio commerciale molto luminoso e attraente.

Locale commerciale al secondo piano, anch'esso al grezzo, composto da 250 mq interni e 230 mq di terrazzo lato sud con vista mare. Oltre che come ufficio, il piano superiore può essere utilizzato anche per uso residenziale, come attico di lusso.

I locali possono essere affittati separatamente o entrambi i piani insieme.

Otto posti auto in un parcheggio privato fanno parte degli spazi commerciali con la possibilità di concordare l'utilizzo di più posti auto se necessario.

L'edificio è dotato di ascensore per passeggeri.

Prezzo di affitto: 10eur / m2

Descrizione del Posizione
Split area
Split is situated on a peninsula between the eastern part of the Gulf of Kaštela and the Split Channel. The Marjan hill (178 m), rises in the western part of the peninsula. The ridges Kozjak (779 m) and its brother Mosor (1339 m) protect the city from the north and northeast, and separate it from the hinterland. Clicca per maggiori

FAQ

Queste sono domande e risposte su alcune delle domande più frequenti sugli immobili in Croazia, per qualsiasi altra domanda non esitate a contattarci o venire nel nostro ufficio e saremo lieti di aiutarvi.

1. I cittadini stranieri possono acquistare immobili in Croazia?

I cittadini stranieri appartenenti agli Stati membri dell'UE possono acquistare beni immobili allo stesso modo dei cittadini croati. I cittadini stranieri appartenenti a paesi extra UE possono acquistare beni immobili in Croazia con due condizioni cumulativamente soddisfatte: accordo di reciprocità con la Repubblica di Croazia e consenso del Ministero della Giustizia.

2. Qual è l'imposta sulla proprietà nella Repubblica di Croazia?

La Repubblica di Croazia ha un'aliquota fiscale unica del 3%. L'importo dell'imposta è determinato sulla base del prezzo del contratto di vendita e della valutazione dell'amministrazione fiscale competente. Secondo la legge, l'acquirente paga le tasse sulla soluzione ricevuta una sola volta.

3. Qual è l'imposta sullo scambio di proprietà immobiliari?

L'imposta è anche del 3%, quindi ogni proprietario paga il 3% del valore stimato della proprietà per la nuova proprietà durante lo scambio.

4. A che ora deve essere pagata l'imposta sulle vendite immobiliari?

L'obbligo fiscale sorge al momento della conclusione del contratto o altra transazione legale che acquisisce l'immobile. Il notaio è tenuto a presentare una copia del documento all'amministrazione fiscale entro 30 giorni dalla firma sui documenti di vendita. Il contribuente è tenuto a pagare l'imposta determinata entro 15 giorni dalla consegna della decisione relativa alla determinazione dell'imposta sulle vendite immobiliari.

5. Che cos'è un acconto e quanto costa?

Un acconto è un'assicurazione che l'acquirente paga al venditore come segno che il contratto è stato concluso e la certezza che l'obbligo sarà adempiuto. In pratica, l'anticipo è indicato sul pre-contratto ed è generalmente pari al 10% del prezzo di acquisto concordato. In caso di adempimento del contratto, l'anticipo viene calcolato nell'importo totale del prezzo di acquisto concordato.

6. L'importo dell'acquisto di immobili può essere pagato in valuta estera?

In linea di principio, no. Ogni vendita nella Repubblica di Croazia deve essere pagata in HRK. Se viene effettuato un pagamento in valuta estera, la banca si convertirà in HRK.

7. È possibile concludere e certificare un contratto di vendita di immobili all'estero?

Sì, se è un cittadino della Repubblica di Croazia, è meglio certificare il contratto con la nostra missione diplomatica. Se si tratta di un cittadino straniero, con la notarile del contratto di acquisto con un notaio pubblico, è richiesta l'apostille del documento pubblico rilasciato in quello stato.